Reportage 1° Symposium genetica del pomodoro

Numerosi i nomi di rilievo internazionale che, per la prima volta, siederanno insieme per approfondire le emergenze affrontate da ricercatori, tecnici e produttori della fascia trasformata vittoriese. Ad organizzare l’evento Agrisicilia, mensile leader in Sicilia nella comunicazione e informazione in agricoltura.
Grande successo per il “1° Symposium dedicato alla genetica e alla cura del pomodoro” che si è svolto nel 2015 presso il PalAgrisicilia di Vittoria, cuore della fascia siciliana dove vengono coltivate le primizie dell’ortofrutta vendute poi in tutta europa.


“Nutrita la partecipazione di ricercatori e docenti israeliani – ha dichiarato alla stampa Massimo Mirabella (nella foto accanto), direttore responsabile di Agrisicilia – Da Haim Rabinowitchdell’Università di Gerusalemme, che traccerà il futuro del pomodoro rosso, al famoso Moshe Lapidotdell’Istituto israeliano di ricerca Volcani che toccherà un tema molto sentito dai produttori locali: le resistenze al virus TYLCV e il problema della mosca bianca”.

“Di pregio anche la presenza del Gruppo Orto wic di Assosementi con una sessione dedicata al miglioramento varietale e all’esperienza del progetto Road to quality”.

“Con loro – continua Mirabella – numerosi docenti universitari: l’intervento di Antonia Carlucci dell’Università di Foggia tratterà di malattie fungine, mentre Assunta Bertaccini della Alma Mater Università di Bologna e Walter Davino dell’Ateneo di Palermo toccheranno i temi della fitoplamosi e delle malattie virali che minacciano il prossimo futuro; a Francesco Giuffrida dell’Università di Catania il tema della fertirrigazione. Ma si parlerà anche di ultimi dati produttivi e di consumi con Luciano Trentini, vicepresidente di Areflh, l’Associazione delle regioni ortofrutticole europee”.

L’intero evento si è tenuto a porte chiuse e la partecipazione è stata riservata alle ditte invitate.